Liceo Ettore Majorana Orvieto

Majorana Orvieto

un liceo in dimensione europea

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Lavagna Orientamento Molti mondi avrebbero potuto essere e non sono stati

Molti mondi avrebbero potuto essere e non sono stati

E-mail Stampa PDF
pievani1Se il passato era aperto, a maggior ragione lo è il futuro, le scelte contano
(Telmo Pievani (2011), La vita inaspettata, Raffaello Cortina, Milano)

…un importante invito ad assumere responsabilità, è questo uno dei grandi messaggi che Telmo Pievani ha lasciato ai giovani studenti del Liceo Majorana, nell’incontro tenutosi venerdì 20 gennaio in un bellissimo clima di grande emozione intellettuale ed umana. I ragazzi, dopo aver ascoltato visibilmente affascinati l’intervento ricco, generoso, ironico e coinvolgente del giovane professore (poco più che quarantenne ma già tanto importante nel mondo culturale internazionale) che da grande divulgatore quale è ha saputo arrivare dritto all’attenzione di ciascuno di coloro che gremivano le aule predisposte, hanno avuto la possibilità di dibattere con lui per circa due ore.

La sua particolare formazione ne fa un personaggio di grande fascino, a 360°, come di solito si dice. Liceo classico a Bergamo, inizia Fisica a Pisa. Mentre si impegna a sostenere gli esami resta incuriosito da un corso di laurea, ormai cancellato, in Filosofia della Scienza presso l’Università di Milano -nella scuola di Ludovico Geymonat, Giulio Giorello, Enrico Bellone, i suoi grandi maestri- vi si trasferisce. Al termine pievani3del corso inizia la sua tesi sulla Teoria della Relatività, ma conosce attraverso i lori scritti Stephen J. Gould e Niles Eldredge, di qui un nuovo cambio di direzione: lascia la tesi, ormai a buon punto, dicendo al suo professore di volerla sostituire con una di Filosofia della Biologia sull’evoluzione. Così inizia la sua avventura.

Insieme a tutto questo c’è anche una grande persona, umile, equilibrata, accogliente, tutte grandi doti oggi sempre più rare. Contattato attraverso una semplice e-mail, alla quale ha prontamente risposto, ha trovato uno spazio di tempo, fra le mille cose che fa, per venire qui, ad Orvieto, ad incontrare un gruppo di studenti, con l’entusiasmo, la voglia, la curiosità di chi, sebbene abituato a grandi platee e specializzatissimi auditori, riesce ancora ad emozionarsi e donarsi ad un pubblico di giovanissimi. Beh! Credo che questo sia utile a capire il personaggio!

Ci ha parlato dei grandi temi affrontati nel suo ultimo libro “La vita inaspettata”, che “racconta in che modo Darwin e i suoi successori hanno “oltrepassato il segno” e perché il concetto centrale dell’evoluzione, la contingenza storica, non è stato ancora accolto nei nostri sistemi di pensiero.”

pievani2Qui Pievani smonta e corregge i più radicati luoghi comuni, quelli con cui noi insegnanti di scienze facciamo i conti, prima con noi stessi poi con gli studenti, che creano misconcetti radicatissimi perché molto più facili da accettare e comprendere per i nostri sistemi di pensiero: l’anello mancante, la catena umana e il cono di complessità crescente, il finalismo per cui la nostra specie è sempre e comunque il punto di arrivo del processo evolutivo.

E’ un testo che, oltre alla piacevolezza di leggerlo, ha anche un grande valore didattico per tutti i docenti di scienze naturali, che potranno ritrovarci, spiegati, molti importantissimi concetti fondamentali per lo studio e la comprensione dell’evoluzione.

In rete è possibile trovare autorevoli recensioni del testo, che tra l’altro è nelle cinquina finalista per il premio Letterario per la divulgazione scientifica Galileo.

Ringrazio sinceramente il mio preside, Franco Raimondo Barbatella, per aver sostenuto e realizzato questo incontro, in un altro istituto tutto questo non sarebbe stato possibile.

Per gli studenti, che ringrazio per aver partecipato con interesse, bravi e puntuali nelle domande, riporto alcuni titoli che lo stesso Pievani ha nominato nel corso del suo intervento, consigliandone a tutti la lettura: di Enrico Bellone La stella nuova, Molte nature, Qualcosa là fuori, di S.J.Gould tra le moltissime pubblicazioni una lettura insostituibile La vita meravigliosa, di Jared Diamond un best seller mondiale Armi, acciaio e malattie e curato dallo stesso Pievani Taccuini 1836-1844 di C.Darwin per capire il personaggio e la sua teoria; rimando poi alla ricchissima bibliografia contenuta nel libro La vita inaspettata che rappresenta un’ottima guida per tutti coloro che volessero approfondire il tema dell’evoluzione, studenti e docenti.      

Adele Riccetti


 


 

 

Il liceo Majorana utilizza

zeroshell

per gestire la connettività degli utenti

 

neos  regione isuc  

Verso la cittadinanza europea

CERN2009_059.JPG