Liceo Ettore Majorana Orvieto

Majorana Orvieto

un liceo in dimensione europea

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Progetti OrvietoScienza Bene. Benissimo!

Bene. Benissimo!

E-mail Stampa PDF
Bravi, bravissimi!
P1100587_smallIl successo più grande lo hanno ottenuto loro. Ma chi sono, loro?
Sono i nostri studenti, quelli del Majorana, comunità autocosciente, con consolidato senso di appartenenza, che il giorno 1 marzo, alla presenza di 300 persone che gremivano la Sala dei Quattrocento, hanno animato OrvietoScienza 2014, edizione che ha avuto per tema le relazioni tra scienza e diritto.
Parliamone.

P1100543_smallI ragazzi hanno presentato un loro lavoro relativo alla proposta di una possibile Carta dei diritti di tutti i senzienti. Circa tre mesi di impegno ed una decina di incontri con i docenti Tiziana Mari, Orietta Moretti, Peppe De Ninno ed Adele Riccetti.
La carta è stata molto apprezzata, non solo nei contenuti, ma soprattutto per il processo che ha permesso la sua scrittura. L’esposizione è stata curata dalla maestra di teatro Elisabetta Spallaccia che ha preparato i ragazzi anche al reading di alcuni brani estratti dal libro di Piergiorgio Welby, Lasciatemi morire.
E’ stato sicuramente il momento più bello della ricca giornata che ha visto avvicendarsi le relazioni di grandi nomi della cultura italiana come: Pino Longo, Telmo Pievani, Pietro Greco, Amedeo BhoLhnHIcAA584BSantosuosso, Carlo Alberto Redi, Luigi Pellizzoni e il fisico Antonio Masiero, magistralmente coordinati da Valentina Murelli. Il professor Bruno Bertolini, che aveva aperto i lavori il 28 febbraio con la presentazione del Manifesto di OrvietoScienza, li ha poi chiusi in serata accennando al tema della prossima edizione, quella di OrvietoScienza 2015, che vedrà protagonista la fisica e avrà come partner l’INFN.
Quest’anno l’evento è stato arricchito da una serie di concorsi, foto, video e bozzetti per il logo di OrvietoScienza, ed i lavori sono stati tutti esposti presso la Sala Expo del Palazzo de popolo.Anche il CNR ha voluto essere presente con una mostra fotografica prodotta in occasione dei 90 anni dalla sua costituzione.

BhkuUyPIcAAe3QLUna bellissima partecipazione è stata quella del TWAS, organismo con sede a Trieste, che sostiene la ricerca scientifica nei paesi del terzo mondo: ci ha inviato un documentario e delle bellissime foto anch’esse esposte.
Un grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato ed un arrivederci al prossimo anno. Il successo più grande lo hanno ottenuto loro.
appartenenza, che il giorno 1 marzo, alla presenza di 300 persone che gremivano la Sala dei

Quattrocento, hanno animato OrvietoScienza2014, edizione che ha avuto per tema le relazioni

tra scienza e diritto.

Parliamone.

I ragazzi hanno presentato un loro lavoro relativo alla proposta di una possibile Carta dei

diritti di tutti i senzienti. Circa tre mesi di impegno ed una decina di incontri con i docenti

Tiziana Mari, Orietta Moretti, Peppe De Ninno ed Adele Riccetti.

La carta è stata molto apprezzata, non solo nei contenuti, ma soprattutto per il processo che

ha permesso la sua scrittura. L’esposizione è stata curata dalla maestra di teatro Elisabetta

Spallaccia che ha preparato i ragazzi anche al reading di alcuni brani estratti dal libro di

Piergiorgio Welby, Lasciatemi morire.

E’ stato sicuramente il momento più bello della ricca giornata che ha visto avvicendarsi

le relazioni di grandi nomi della cultura italiana come: Pino Longo, Telmo Pievani, Pietro

Greco, Amedeo Santosuosso, Carlo Alberto Redi, Luigi Pellizzoni e il fisico Antonio Masiero,

magistralmente coordinati da Valentina Murelli. Il professor Bruno Bertolini, che aveva aperto

i lavori il 28 febbraio con la presentazione del Manifesto di OrvietoScienza, li ha poi chiusi in

serata accennando al tema della prossima edizione, quella di OrvietoScienza2015, che vedrà

protagonista la fisica e avrà come partner l’INFN.

Quest’anno l’evento è stato arricchito da una serie di concorsi, foto, video e bozzetti per il logo

di OrvietoScienza, ed i lavori sono stati tutti esposti presso la Sala Expo del Palazzo de popolo.

Anche il CNR è voluto essere presente con una mostra fotografica prodotta in occasione dei 90

anni della costituzione di questo ente.

Una bellissima partecipazione è stata quella del TWAS, organismo con sede a Trieste, che

sostiene la ricerca scientifica nei paesi del terzo mondo, hanno inviato delle bellissime foto

anch’esse esposte.

Un grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato ed un arrivederci al prossimo anno.
 


 

 

Il liceo Majorana utilizza

zeroshell

per gestire la connettività degli utenti

 

regione isuc  
Verso la cittadinanza europea
image012.jpg